Lo scandalo

24 Dicembre 2017 Written by 
in Idee
Rate this item
(0 votes)

Si ha uno scandalo quando c’è un turbamento della coscienza provocato da un atteggiamento altrui che offende i tuoi principi morali, ecco l’atteggiamento che mi scandalizza è quello di estrema remissività, sottomissione e arrendevolezza dei Veneti di fronte a tutta una serie di eventi.

Mi riferisco, per esempio, a tutte quelle persone rovinate dal crack delle banche venete che hanno perso tutto quello che avevano, mi riferisco a tutti quelli che accettano di pagare tasse al livello dei paesi scandinavi e avere in cambio servizi terzomondiali, penso a quelli che accettano di fare ore e ore di coda al pronto soccorso prima di essere curati anche se si è disabili e/o molto anziani, oppure dover aspettare mesi per effettuare una visita medica, penso a quelli che hanno a che fare con i tempi biblici e con le sentenze creative della giustizia italiana, oppure quelli vittime delle severe sentenze contro chi si è difeso da ladri o rapinatori.

Per non parlare poi dell’allungamento dell’età pensionabile, in aggiunta alla drastica riforma del lavoro tanto che si può dire, senza timore di sbagliare, che hanno legalizzato il lavoro nero e lo sfruttamento dei lavoratori, per non parlare della gestione dei flussi migratori: ci raccontano che combattono i trafficanti di esseri umani, quando invece, in pratica stanno favorendo e legalizzando l’immigrazione clandestina. Andando a finire sul debito pubblico che continua ad aumentare nonostante continui tagli a servizi essenziali e agli enti locali, ma come mai se si continua a tagliare su pensioni e servizi essenziali il debito continua ad aumentare? Continua ad aumentare perché finora non si è mai tagliato sulle vere principali voci di spesa che sono: sprechi, corruzione, inefficienze e privilegi!

Per non parlare della questione veneta! Nessun rispetto delle autonomie costituzionali, cancellazione sistematica di storia, cultura, lingua, usi costumi e tradizioni venete!

Tutto questo viene accettato dai veneti con pacifica rassegnazione senza grandi proteste e manifestazioni, ne esternazioni di forte disappunto o disperazione, ma non tutti, c’è qualcuno che invece riesce a fare qualcosa in più e qualche parolaccia riesce a scriverla sulla scheda elettorale; ma la più grande protesta che i veneti riescono a fare è l’astensione dal voto niente altro.

Tanto, dicono, sono tutti uguali e non cambierà nulla. Però è vero che sono tutti uguali? La prima cosa per risolvere tutti questi problemi è individuare il nemico. Individuare il nemico è necessario per sapere contro chi bisogna combattere e ho l’impressione che la maggioranza dei veneti non ha ancora individuato il nostro vero nemico, la causa di tutti i nostri mali, l’artefice e la ragione dei nostri problemi.

Il nostro nemico si chiama stato italiano, la soluzione ai nostri problemi si chiama indipendenza, liberarci dalla dominazione italiana significa liberarci immediatamente da sprechi, corruzione, inefficienze e privilegi! E, cosa ancora più importante, riappropriaci della nostra identità, storia, cultura e, come effetto collaterale, anche dei nostri  soldi.

L’astensione dal voto ottiene il solo risultato di lasciare le cose come stanno, lasciamo perdere i partiti italiani, la salvezza dei veneti non arriverà mai da un partito italiano. Ci sono partiti indipendentisti veneti aiutiamoli a diventare grandi, sosteniamoli e mettiamoli alla prova, uniamoci contro il nemico comune e usiamo il metodo democratico per sconfiggerlo che è quello più efficace e quello che più temono.

Francesco Falezza

Iscriviti alla mailing list:
247 Last modified on Sabato, 20 Gennaio 2018 18:01
More in this category:
Login to post comments