Ho detto sì

01 Settembre 2020 Written by 
in Idee
Rate this item
(0 votes)

 

Buongiorno, è un po’ che non scrivo, ero in attesa che il processo di unità politica veneta si completasse e che quei tasselli che mancavano andassero a posto, ma inaspettatamente mi hanno proposto di candidarmi alle prossime elezioni regionali per il Partito dei Veneti, con la conseguenza che non potevo più attendere, ma dovevo dire sì o no.

Devo dire la verità, non ne avevo l’intenzione, ma ho pensato che fare è meglio di non fare e agire è meglio che stare fermi e allora ho detto sì. Ho detto si perché penso di poter dare il mio contributo al processo di unificazione politica dei veneti e dare una mano alla realizzazione di questo sogno.

È vero che in Catalogna gli indipendentisti sono divisi in più partiti (comunque molti meno dei nostri), ma è altrettanto vero che i numeri che abbiamo non ci permettono ancora questo lusso, dobbiamo cercare di rimanere uniti almeno finché non raggiungeremo la massa critica.

Ho accettato la candidatura anche perché penso di poter dare un contributo positivo alla progettualità e all’indirizzo che questo partito prenderà dopo queste elezioni. Queste sono elezioni dal risultato scontato, ma nonostante  questo, non meno importanti. Infatti solo se il nostro partito prenderà molti voti e i candidati indipendentisti molte preferenze, ecco, solo in questo caso si muoverà qualcosa, solo in questo caso è probabile che qualche competenza passi finalmente in capo alla nostre regione, che qualche riforma venga consentita, ed è anche per questo che ho accettato la candidatura. Spero di portare, se voi mi darete fiducia, un buon numero di voti alla causa che ci permetterà di centrare l’obiettivo. Se invece saranno le liste dei soliti partiti nazionali italiani a prendere voti (Lega, FDI, FI, PD, 5 stelle, ecc. ecc.) oppure quelle delle liste autonomiste civetta è facile prevedere che non cambierà nulla.

Queste elezioni presentano inoltre una grande novità che si chiama voto disgiunto. Cioè è possibile votare una lista diversa dallo schieramento del candidato presidente che si è scelto. Se uno volesse votare Zaia o Lorenzoni, potrebbe benissimo farlo facendo una croce sul nome del candidato presidente e contemporaneamente  votare anche la lista Partito dei Veneti ed esprimere la sua preferenza scegliendo il candidato consigliere della nostra lista che conosce e di cui si fida. Questa è un’opzione in più che ha l’elettore, è ovvio, che noi auspichiamo un voto coerente, ma anche un voto disgiunto sarebbe un contributo al raggiungimento dei nostri obiettivi. Indispensabile, inoltre, barrare anche il simbolo della lista  perché, se voti solo il simbolo del candidato presidente il voto non si trasmette alla lista collegata, mentre se barri il simbolo della lista il voto si trasmette automaticamente anche al candidato a presidente di regione.

Spero di averti dato delle buone notizie e informazioni utili, in questo periodo ci sentiremo un po’ di più del solito.

Cordiali saluti.

Francesco Falezza

Iscriviti alla mailing list:

 

38 Last modified on Martedì, 01 Settembre 2020 10:04
More in this category:
Login to post comments